Is CBD legal in Turkey?
CBD

Leggi globali sul CBD: Il CBD è legale in Turchia?

La Turchia è una destinazione straordinaria, ricca di storia e di monumenti antichi. Se state pensando di viaggiare all’estero, è indispensabile conoscere le leggi in materia di CBD prima di partire con la vostra tintura o il vostro vaporizzatore preferito. Potreste essere curiosi: il CBD è legale in Turchia?

Scoprite tutto su come viaggiare in sicurezza in Turchia con il vostro CBD!

Una lunga storia di canapa turca

Sebbene le leggi sulla canapa e sulla cannabis siano oggi estremamente limitate, la Turchia era all’avanguardia nella coltivazione della cannabis decenni fa. I primi riferimenti al consumo di cannabis in Turchia risalgono all’incirca al 1000 a.C.. La cannabis era un bene ampiamente commercializzato dall’Impero Ottomano per le sue fibre e i suoi oli.

Sia i boccioli che gli estratti della pianta, noti come hashish, erano usati a scopo medico e ricreativo prima del 1925, quando furono ufficialmente vietati.

Qual è lo stato legale del CBD in Turchia oggi?

La navigazione nella legalità della CBD in Turchia presenta alcune ambiguità. Sebbene le leggi turche non menzionino esplicitamente il CBD, il Paese applica una rigorosa politica di tolleranza zero nei confronti del THC, il componente psicoattivo della cannabis. Di conseguenza, prevale l’ipotesi che la CBD possa essere illegale anche in Turchia.

Tuttavia, ci sono indicazioni che il CBD potrebbe essere ammesso in Turchia se non contiene THC. In particolare, nel 2016 la legislazione turca ha permesso l’uso di farmaci cannabinoidi sublinguali. Questi possono essere utilizzati solo per scopi medici. La legge non fa riferimento diretto al CBD, ma include altri cannabinoidi, come il THC.

Questa potenziale apertura verso il CBD implica la possibilità di una legalizzazione in futuro. Anche se al momento non ci sono piani in atto. Con l’adeguamento di gran parte dell’Europa alle normative europee sulla canapa e sul CBD, non sarebbe sorprendente se la Turchia seguisse in futuro le sue linee guida sulla sicurezza. Ciò sarebbe simile al panorama giuridico di paesi come la Francia, la Grecia e la Germania.

Tuttavia, è prudente chiedere un parere legale prima di portare il CBD in Turchia.

Viaggiare in sicurezza con la CBD in Turchia

Se viaggiate in Turchia con il CBD, ci sono alcuni modi per garantire un viaggio sicuro ed evitare che il vostro CBD venga confiscato.

  • Assicurarsi che il CBD contenga zero THC: per evitare problemi legali, è consigliabile acquistare solo prodotti a base di CBD completamente privi di THC. Questo include i prodotti realizzati con CBD isolato.
  • Documentazione per uso medico: Se si utilizza il CBD per scopi medici, portare con sé copie della documentazione medica pertinente che ne comprovi la necessità.
  • Preparatevi a ricevere richieste di informazioni: I funzionari doganali potrebbero interrogare i viaggiatori sui loro prodotti a base di CBD. Aspettatevi domande sull’assenza di THC e sullo scopo dell’uso del CBD.

Nel caso in cui i funzionari doganali scoprano il CBD in vostro possesso, potrebbero richiedere prove che confermino l’assenza di tracce di THC (risultati di test) e una raccomandazione medica ufficiale per l’uso. La mancata presentazione di questa documentazione può comportare la confisca, l’imposizione di multe o la potenziale detenzione.

Fly Oil 1000mg CBD Broad Spectrum Tincture Oil 30ml by Fly CBD

Experience the best of CBD with Fly Oil's 1000mg Broad Spectrum Tincture and, unlock the entourage effect without any THC

32,40 £

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *